Parigi presenta il conto a Tripoli. Pressioni sulla Libia dopo il forte calo delle commesse militari

Non ha mostrato certo molta delicatezza o “savoir faire” il ministro della Difesa francese Gerard Longuet quando il 22 ottobre ha dichiarato a Le Monde che i nuovi dirigenti della Libia sanno che devono molto alla Francia affermando che Parigi punter svolgere un ruolo di partner principale. Una dichiarazione palese della volontrancese di acquisire il maggior numero dei commesse nella torta (che si preannuncia molto rucca) rappresentata dalla riorganizzazione e ricostruzione delle forze armate libiche.

Con le forze di Gheddafi pressochnnientate da oltre 26 mila raid della Nato (quasi 10 mila da attacco) la Libia si trova oggi priva di capacitilitari, anche quelle basiche necessarie a controllare gli spazi aerei e marittimi e i lunghissimi confini terrestri. Anche trasformare le 70 milizie che si riconoscono nel Consiglio Nazionale di Transizione in un esercito richiederorse anni durante i quali i Paesi amici della Libia faranno a gara a fornire servizi, programmi d’addestramento, armi, equipaggiamenti, radar, navi, velivoli, mezzi terrestri. Londra valuta di mantenere i propri jet in Italia dopo la fine della missione della Nato, il 31 ottobre, perchualcuno dovrur garantire il controllo dei cieli libici.

L’affare del supporto militare alla nuova Libia ha valore complessivo valutabile in qualche decina di miliardi di dollari nei prossimi dieci anni, finanziabili grazie all’export di gas e petrolio, che vedrrotagonisti britannici, francesi, italiani ma a quanto pare non i russi, fornitori privilegiati durante il regime di Gheddafi. Per Parigi la competizione sul mercato libico ha una rilevanza assoluta almeno a giudicare dall’aggressiviti Longuet nei confronti dell’Italia, importante competitore sul mercato libico. I Paesi della coalizione cercheranno probabilmente di adottare posizioni piaterali nelle loro relazioni con la Libia. Ognuno cercheri trarre vantaggio dal gioco ha dichiarato ma per rafforzare il ruolo militare giocato dai francesi il ministro ha spiegato con un evidente riferimento all’Italia che non ci siamo impegnati in modo tardivo, mediocre, incerto. E non abbiamo nulla da farci perdonare’.

Un “coup de finesse”, come direbbero a Parigi ma il motivo dell’atteggiamento aggressivo, fuori luogo e certo sopra le righe del ministro francese (che dimentica come i suoi jet abbiano potuto attaccare in forze la Libia solo grazie alla disponibilittaliana a concedere l’uso della base di Sigonella) egato al pessimo andamento dell’export militare francese che, unito ai tagli alla Difesa apportati dallo stesso Longuet, rischiano di mettere in crisi (anche occupazionale) buona parte dell’apparato industriale del settore Difesa d’Oltralpe, per lo piontrollo statale.

Il “Rapport au Parlement sur les exportations d’armement de la France pour 2010” presentato nei giorni scorsi dal Ministero della Difesa registra infatti il crollo delle commesse militari calate nel 2010 a 5,1 miliardi di euro contro gli 8,1 del 2009 e i 6,5 del 2008. La Francia resta il quarto esportatore mondiale di armi ma l’obiettivo di raggiungere i 10 miliardi di export annui, equivalenti alle commesse interne delle forze armate nazionali, sembra destinato a naufragare. Comprensibile quindi il nervosismo di Longuet, impegnato negli ultimi anni come il presidente Nicolas Sarkozy a fare il “commesso viaggiatore” per l’industria nazionale e consapevole che nei prossimi mesi si giochere ultime carte per rilanciare l’export militare.

Il cacciabombardiere Rafale, protagonista della guerra libica e proposto l’anno scorso allo stesso Gheddafi, non tato finora mai esportato ma entro l’anno verranno definite le commesse in India, Emirati Arabi Uniti (Eau) e Svizzera, Paesi dove il jet della Dassault ntrato nella “short list”. Le speranze maggiori riguardano gli Emirati che sembrano pronti ad acquistare 60 Rafale (per un valore di una decina di miliardi di euro inclusa l’assistenza logistica e l’addestramento) ma solo se verrrovato un acquirente per altrettanti Mirage 2000 ancora in ottime condizioni in servizio con la forza aerea emiratina. Secondo i piani di Parigi e Abu Dhabi, in prima linea a sostenere gli insorti il Cnt di Bengasi, proprio la Libia dovrebbe acquistare i cacciabombardieri usati dagli Emirati Arabi consentendo di sbloccare il contratto per i Rafale.

Un buon affare per tutti: la Francia incasserebbe due importanti contratti che garantirebbero introiti rilevanti per i prossimi decenni, gli EAU risparmierebbero sul costo dei Rafale e la Libia si doterebbe di un velivolo moderno, piiornato dei Mirage F-1 che aveva in servizio durante il regime di Gheddafi ma senza sostenere le spese richieste per una flotta di velivoli nuovi. La concorrenza, anche italiana ed europea erlto forte come dimostrano i nervi tesi di Longuet.

Clicca per Condividere

Close

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta la notizia

ANNUNCI GOOGLE‘; } else { if (google_ads.length == 1) { s += ‘

‘ + google_ads[0].line1 + ‘
‘ + google_ads[0].line2 + ‘ ‘ + google_ads[0].line3 + ‘
‘ + google_ads[0].visible_url + ‘

‘; /* * I publisher devono modificare le dimensioni del testo degli annunci * in modo che quest’ultimi occupino la maggior parte dello spazio e dunque possano espandersi (campagne targeting per sito). */ } else if (google_ads.length > 1) { /* * Ciascun annuncio di testo deve essere aggiunto alla stringa. */ s += ”; for(i=0; i ‘ + google_ads[i].line1 + ‘
‘ + google_ads[i].line2 + ‘ ‘ + google_ads[i].line3 + ‘
‘ + google_ads[i].visible_url + ‘‘; } } } document.write(s); return; } google_ad_client = ‘pub-7074224334010734’; // inserire l’ID_publisher google_ad_channel = ‘xxxxxxxxxx’; // inserire a scelta, il codice del criterio google_ad_output = ‘js’; google_max_num_ads = ‘3’; google_feedback = ‘on’; google_language = ‘it’; google_encoding = ‘utf8’; google_ad_type = “text”; google_image_size = “”; google_safe = ‘high’; // –>

Permalink

e gia……eccoli quelli che ci fanno la morale……

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...